Ricetta#4) Sarde allinguate caramellate al miele

Ricetta#4) Sarde allinguate caramellate al miele

  • Ingredienti

Sarde
Cipolla
Farina Rimacinato 
Olio di Girasole 
Aceto Bianco 
Miele mille fiori

  • Preparazione del piatto

Preparare la cipolla caramellata con aceto e zucchero in padella.

Puliamo e dilischiamo le sarde, quindi passiamole nella farina e le friggiamole in olio di girasole.

Mettiamo nel piatto le cipolle e sopra un po’ di miele e poggiamo le sarde.

  • Videoracconto della ricetta
  • Curiosità

Il miele millefiori si distingue da quello monoflora per il fatto che è prodotto dalla naturale miscelazione all’interno dell’alveare del nettare raccolto dalle api: non c’è, quindi, una tipologia floreale preminente, ma si possono trovare sapori e caratteristiche di svariati tipi di fiori. 
Nella variante chiara ha un  sapore più delicato, dolce e meno intenso;  è prodotto nel periodo primaverile, fino a giugno-luglio.
Nella variante scura (o ambrata), presenta un sapore più deciso, con un retrogusto più amarognolo. Tende a mantenere una consistenza più cremosa e a cristallizzare più lentamente; viene prodotto in tarda estate.

Ricetta#3) Pasta con le sarde alla Palermitana

Ricetta#3) Pasta con le sarde alla Palermitana

  • Ingredienti

Bucatini
Sarde
Finocchietto
Uvetta
Pinoli
Cipolla
Aglio
Zafferano in polvere 
Olio extravergine d’oliva 
Sale
Pepe 
Prezzemolo

  • Preparazione del piatto

Lessare i finocchietti, scolarli bene senza buttare via l’acqua e tritarli con la punta di un

coltello su un tagliere. 

Pulire le sarde: sfilettarle, eliminando la testa, la coda e la lisca, quindi lavarle e asciugarle tra due panni puliti. Soffriggere appena in un tegame la cipolla ben tritata, prezzemolo, aglio e aggiungere le sarde, nettate e spinate, e mescolare fino a farne una poltiglia. 

Completare con i finocchietti, la bustina di zafferano, sale, pepe, i pinoli e la sultanina e lasciate insaporire aggiungendo sale e pepe .

Appena la pasta è pronta ripassarla in padella con il preparato con le sarde e servire.

  • Videoracconto della ricetta
  • Curiosità

La stagione del finocchietto selvatico è al suo apice durante Marzo, ma basta che ne prendiate qualche ciuffo, li piantate in un vaso e con poca acqua riuscirete ad avere i finocchietto tutto l’anno.
Scegliamo un vino sapido e fresco, floreale, rispettoso delle tante suggestioni del piatto, ma in grado di ripulire la bocca da questo delizioso connubio dolce-salato.
Se volete abbinare un cocktail, il sapore fresco del Sex on the Beach si sposa alla perfezione!

Ricetta#2) Sarde a Beccafico

Ricetta#2) Sarde a Beccafico

  • Ingredienti

Sarde
Prezzemolo
Aglio
Pecorino grattugiato
Pangrattato finissimo
Origano
Vino bianco secco
Farina bianca
Olio per friggere
Sale

  • Preparazione del piatto

In una ciotola amalgamare il trito di prezzemolo e aglio con il pangrattato, un pizzico di origano, l’olio sufficiente per legare l’impasto pulite, aprire e diliscare le sarde, lavatele asciugatele, poi immergetele ad una ad auna brevemente nel vino bianco.

Scolatele e disponetele, con la parte aperta verso l’alto, su un comodo piano da lavoro. 

Spalmate metà dei pesci con un abbondante strato del ripieno, chiudete a sandwich con l’altra ,età dei pesci facendo ben aderire le parti sovrapposte. 

Passate ciascun sandwich nella farina bianca, quindi con molta cura perché non si aprano trasferiteli tutti nella padella con l’olio bollente e friggeteli a fuoco sostenuto. 

Togliete le sarde dalla padella con ina paletta forata fatele scolare su un foglio di carata assorbente salatale e servitele calde accompagnandole se lo desiderate con li sugo di pomodoro.

  • Videoracconto della ricetta
  • Curiosità

Il piatto è un omaggio all’uccelletto buongustaio, il beccafico appunto, ghiottissimo di fichi maturi.
A Palermo la ricetta delle sarde a beccafico prevede una sola sarda arrotolata o a barchetta. Facevano così nelle tavole povere per imitare prelibate pietanze nobiliari, si fa così ancora oggi. 
A Catania si rappresenta l’uccelletto nel momento più vispo, cioè quando becca il fico: il piatto prevede infatti due sarde affiancate.

Ricetta#1) Pasta con le sarde in bianco e curcuma

Ricetta#1) Pasta con le Sarde in Bianco e Curcuma

  • Ingredienti

Bucatini
Sarde freschissime
1 Mazzetto di finocchietto (meglio se selvatico)
1 Bustina di passolina e pinoli
1 Cucchiaino di curcuma
Aglio
Sale
Olio d’oliva
Pan grattato
Zucchero

  • Preparazione del piatto

Tritare finemente aglio e finocchietto pulire e diliscare le sarde.

Fare un soffritto con aglio e finocchietto pinoli e passola (uvetta) e aggiungere le sarde.

Nel frattempo mettere a cucinare la pasta ed aggiungere un po’ di acqua di cottura nella padella con le sarde per far appassire il finocchietto.

Appena la pasta è pronta metterla nella padella con il preparato di sarde ed aggiungere un po’ di curcuma per colorare e insaporire.

Per ogni piatto aggiungere la mollica ripassata in padella.

  • Videoracconto della ricetta
  • Curiosità

Il gusto pungente e lievemente amarognolo della curcuma la rende perfetta nei piatti salati (zuppe, insalate di cereali, polpette vegetali, salse di accompagnamento a primi e secondi piatti, minestre), tuttavia in alcuni casi viene utilizzata anche in ricette dolci.
Fondamentale è associare la curcuma con un grasso (eccellente l’olio extravergine di oliva) e con il pepe: via libera, quindi, ma senza esagerare, alla classica “spolverata finale” prima di servire i vostri piatti.

Avvio “Una Sardina in Mostra”

A tutte le piccole sarduzze e al loro banco familiare: Lunedì, 05 ottobre alle 16:00 in diretta sulla pagina facebook Sarduzza Fest saranno comunicati i risultati delle prenotazioni per la partecipazione al concorso “UNA SARDINA IN MOSTRA” .Ogni bambino, potrà dare sfogo alla propria creatività attraverso elaborati lavori grafici, testi, foto, video ecc. sulle 3 tematiche del concorso:

1. Valorizzazione dell’aspetto storico e delle tradizioni legate alla sardina;
2. La valorizzazione degli aspetti legati all’importanza della Sardina come alimento, anche in rapporto con i canoni della dieta mediterranea
3. La valorizzazione della figura del pescatore attraverso il racconto e/o la illustrazione del suo lavoro e/o degli attrezzi e/o delle metodologie di pesca

Per maggiori dettagli sull’iniziativa, si rimanda al sito www.sarduzzafest.it/concorso dove si potrà scaricare il regolamento e gli aggiornamenti in merito all’iniziativa.  Tutti i partecipanti dovranno consegnare i lavori entro il 22 ottobre alle ore 18:00 presso la sede del Comitato Genitori sita a Castelvetrano nella Via Giovanni Gentile nr 10. Dal giorno 23 ottobre 2020 fino al 08 novembre 2020 alle 24:00 sarà possibile votare on line i lavori realizzati collegandosi al sito sezione concorso I lavori vincitori, saranno premiati in una cerimonia, limitata ai partecipanti, che si svolgerà a numero chiuso e limitato come previsto dalle normative per la sicurezza COVID. Invitiamo tutti bambini, famiglie, scuole e amici a seguirci lunedì dalla nostra pagina facebook e a collegarsi al nostro sito www.sarduzzafest.it per tutti gli aggiornamenti inerente al concorso. Si ringraziano gli istituti primari di Castelvetrano per la collaborazione.

Speciale AGORA’ – Telesud

Mercoledì 30 Settembre, alle ore 20:30, è andata in onda la trasmissione “Speciale Agorà”, dell’emittente TeleSud: protagonista la II Edizione del Festival Sarduzza FEST.

Sono intervenuti in studio: Giuseppe Giuffrè, capofila del raggruppamento di soggetti pubblici e privati che costituiscono il partenariato di progetto, Leonardo Catagnano, Dirigente del III Settore del Dipartimento Regionale della Pesca Mediterranea, Domenico Di Bella, Responsabile della Condotta di Castelvetrano di Slow Food e Lina Stabile, coordinatrice del progetto.

La trasmissione ha approfondito i contenuti e le finalità del festival e le differenze con la precedente Edizione in funzione degli accorgimenti presi per il contenimento dell’epidemia da Coronavirus.

Puntata Speciale AGORA' - Telesud