Ricetta#1) Bigoli di grani antichi Terra & Mare Nostrum

  • Info

Cuoco: ELIA LO IACONO

Difficoltà

Tempo

Costo

  • Ingredienti

Spaghettone fresco di grano duro
Sarde
Broccolletti verdi freschi
Pomodorino datterino
Olive nere (tipo passuluna)
Piacentino Ennese
Cipollotti lunghi
Mandorle
Limone
Mollica fresca
Olio evo
Zucchero di canna
Sale
Panna fresca
Pepe
Farina di riso

  • Preparazione del piatto

Lavaggio e pulizia preliminare delle sarde e successivamente degli ortaggi; mettere le sarde sfilettate in una ciotola a parte e collocarle in frigorifero. Pelare i gambi dei broccoletti eliminando la fibra più dura, conservare i fioroni che successivamente veranno sbollentati, con tutte le parti restanti faremo un soffritto in casseruola con l’ausilio di olio evo e cipollotti precedentemente tritati (solo le parti finali del gambo) stufare fino a quando gli stessi si sfaldano, a questo punto con l’aiuto di un mix ad immersione realizzeremo la crema di broccoletti. In una padella a parte laccare i pomodorini datterini (modi confit) con olio evo, sale e zucchero di canna.
In un tegame a bagno maria faremo la fonduta utilizzando il piacentino ennese  tagliato in piccoli pezzetti e con l’aggiunta di panna fresca, appena si fonde nel caso sia troppo liquida aggiungere un cucchiaino di farina di riso, nel caso sia fluida e cremosa lasciarla nel bagnomaria a temperatura costante. In un tegame anti aderente arrostire leggermente i cipollotti appena dorati toglierli e riporli in un piatto, in un’altra padella a parte tostare della mollica fresca precedentemente setacciata è condita con scorza di limone mandorle ha foglie leggermente triturare, sale, pepe e dell’olio extravergine d’oliva, appena dorata e con una consistenza a mo di crumble toglierla dal fuoco.
Snocciolare le olive nere e tagliuzzare le a piccoli pezzetti, nel frattempo in una pentola ampia bollire l’acqua, appena arriva a temperatura versare gli spaghetti freschi e lasciarli cuocere qualche minuto, nel frattempo in un piatto fondo ampio versare una parte della  vellutata di broccoli e la rimanente lasciarla per mantecare la pasta dove inseriremo i filetti di sardine precedentemente deliscati e puliti lasciandoli sfaldare velocemente e togliendone 2 per presentazione che ripasseremo con la farina e friggeremo in un padellino. 
Per una presentazione ottimale creare un nido con gli spaghetti e adagiarli sulla vellutata, poi con l’utilizzo di una pinza incastonare qualche datterino laccato, dei pezzetti di olive nere, versare della fonduta di Piacentino a giro, spolverare del crumble di pane profumato, posizionare un fiore di broccolo,il cipollotto dorato e i due filetti di sardine fritte.

  • Videoracconto della ricetta
  • Curiosità

L’ingrediente più particolare della ricetta è senza dubbio il Piacentino ennese (in siciliano piacintinu ennìsi), formaggio siciliano prodotto con latte di pecora intero in forma cilindrica. Il peso varia fra i 3,5 e i 4,5 kg d è caratterizzato dall’aggiunta di zafferano e di grani di pepe nero che, oltre a dare al piacentinu una inconfondibile colorazione giallo-arancione, gli conferiscono un sapore spiccato e lievemente piccante.
Il formaggio ha ottenuto la Denominazione di Origine Protetta (DOP) con il nome di “Piacentinu ennese”.